Direttive anticipate CRS

Condizioni generali (CG)

Berna, 02 aprile 2015 2

Le presenti condizioni generali (CG) disciplinano i rapporti contrattuali tra il redattore delle Direttive Anticipate (DA) e la Sede della Croce Rossa Svizzera (CRS) a Berna. Esse fungono da base giuridica per le prestazioni sotto menzionate, eccettuati i servizi di consulenza personale e di aggiornamento forniti dalle associazioni cantonali della Croce Rossa. La firma (giuridicamente valida) delle direttive anticipate CRS da parte del redattore della DA* implica l’accettazione delle condizioni generali, le quali, salvo disposizioni contrarie indicate qui di seguito, prevalgono su ogni norma di legge.

1. Contenuto del contratto

Redigendo delle direttive anticipate CRS, il redattore designa in modo vincolante le terapie mediche cui accetta o rifiuta di sottoporsi qualora dovesse divenire incapace di discernimento. Le direttive anticipate CRS sono un documento personale. Tutte le indicazioni in esse contenute riflettono le opinioni personali del redattore al momento in cui questi le ha stilate apponendovi, a titolo di conferma, la propria firma autografa e la data.

La CRS fornisce al redattore il materiale informativo e un modulo. Questo può essere scaricato sul sito Internet della CRS e può essere compilato elettronicamente, oppure stampato e compilato a mano. Su richiesta del redattore, le direttive anticipate possono essere depositate a pagamento in una banca dati protetta della CRS. Se necessario, saranno trasmesse al medico specialista competente.

La fatturazione delle prestazioni della CRS (verifica, deposito, ecc.) viene effettuata dalla Sede della Croce Rossa Svizzera. Se il redattore richiede i servizi di consulenza di un’associazione cantonale della Croce Rossa, la fatturazione di tale prestazione così come delle prestazioni della CRS viene effettuata dall’associazione cantonale interessata.

2. Offerta di consulenza delle associazioni cantonali della Croce Rossa

Diverse associazioni cantonali della Croce Rossa consigliano e assistono il redattore su richiesta per tutte le questioni legate all’elaborazione delle direttive anticipate.

In tal caso, l’associazione cantonale interessata e il redattore stipulano direttamente un contratto specifico nel quale vengono tra l’altro fissati gli onorari per la consulenza. La prestazione è conclusa una volta firmate le direttive anticipate e saldata la fattura.

La consulenza personalizzata dell’associazione cantonale può consistere in un aiuto preparatorio, con il redattore che redige poi lui stesso le direttive sul proprio computer, oppure in una prestazione più completa nell’ambito della quale il consulente si occuperà della formulazione e della compilazione delle direttive. L’entità della prestazione è stabilita nel mandato di consulenza.

3. Deposito e registrazione sulla tessera di assicurato della cassa malati

Le direttive anticipate datate e firmate vengono depositate a pagamento nella loro versione originale e integrale presso la Sede della Croce Rossa Svizzera. Esse vengono previamente sottoposte a una verifica allo scopo di individuare eventuali problemi formali, dimenticanze o contraddizioni. Questo controllo può essere richiesto dietro pagamento anche qualora le direttive non vengano depositate.

Oltre al deposito dell’originale, le direttive vengono registrate in forma elettronica in una banca dati protetta. Il redattore riceve una tessera sulla quale figura un numero telefonico tramite il quale i medici specialisti competenti possono chiedere di consultare il documento 24 ore su 24.

In futuro sarà anche possibile far memorizzare il luogo di deposito delle direttive anticipate sulla tessera svizzera d’assicurazione malattie (LAMal).

4. Trasmissione delle direttive anticipate a terzi

Per garantire in qualsiasi momento la reperibilità delle direttive anticipate, la CRS opera in collaborazione con una centrale d’allarme. Questa centrale ha accesso alla banca dati protetta.

In caso di richiesta, la centrale d’allarme trasmette le direttive anticipate registrate in formato elettronico alla persona con diritto di rappresentanza, al personale medico curante, alle istituzioni competenti o all’autorità di protezione degli adulti, dopo essersi accertata che il richiedente sia autorizzato a consultare il documento.

5. Aggiornamento

Dopo l’ultimo aggiornamento, il redattore – a condizione che abbia depositato le sue direttive presso la CRS – viene invitato tre volte, a intervalli regolari, a riesaminare le direttive e, se necessario, ad aggiornarle. Sa le ha elaborate e salvate sul proprio computer, può direttamente modificare il documento. I redattori che hanno fatto compilare le direttive anticipate da un’associazione cantonale della Croce Rossa vengono nuovamente consigliati da quest’ultima al momento dell’aggiornamento. Tale consulenza è a pagamento.

In ogni caso le direttive anticipate aggiornate o prolungate senza modifiche devono essere datate, firmate e trasmesse alla CRS, sempre che siano depositate presso quest’ultima. Il deposito è a pagamento.

Se le direttive non vengono modificate, la CRS ne deduce che l’ultima versione depositata è ancora valida.

6. Obbligo reciproco di informazione

Il redattore ha in qualsiasi momento la possibilità di chiedere alla CRS informazioni relative ai dati memorizzati che lo riguardano. L’identità del redattore viene verificata.

Il redattore si impegna a comunicare alla CRS eventuali cambiamenti d’indirizzo o altre informazioni importanti per le direttive anticipate.

Le persone con diritto di rappresentanza sono pregate di notificarne il decesso alla CRS, possibilmente facendole pervenire il certificato di morte. In questo caso i dati e i documenti depositati saranno cancellati/distrutti.

7. Cessazione della custodia e distruzione dei dati

Il redattore può richiedere in qualsiasi momento per iscritto la cancellazione, la distruzione o la restituzione dei dati/delle direttive anticipate depositate presso la CRS. Così facendo, libera la CRS da qualsiasi obbligo.

Le direttive anticipate vengono distrutte dalla CRS al più tardi 120 anni dopo la data di nascita del redattore.

In casi eccezionali, la CRS si riserva il diritto di revocare il mandato di custodia delle direttive anticipate con un preavviso scritto di un anno.

8. Obbligo di tutelare il segreto e protezione dei dati

La CRS tratta con la massima riservatezza tutte le informazioni comunicate e tutti i dati personali di cui viene a conoscenza nell’ambito delle prestazioni fornite. L’obbligo di tutelare il segreto sussiste anche dopo la cessazione del servizio. Questa disposizione si applica anche per tutte le persone e le istituzioni coinvolte (consulenti, centrale di allarme, luogo di deposito). Un eventuale scambio di dati avviene esclusivamente tra queste persone e istituzioni.

Possono essere informate sull’esistenza e il contenuto delle direttive anticipate unicamente le persone (persone con diritto di rappresentanza, rappresentanti legali) e le istituzioni autorizzate nonché l’autorità di protezione degli adulti. Il redattore libera la CRS dal suo dovere di riservatezza nei loro confronti e la autorizza a trasmettere loro su richiesta la versione elettronica delle direttive anticipate depositate.

La CRS si impegna a rispettare le disposizioni legali applicabili in materia di protezione dei dati.

9. Costi

Le prestazioni erogate dalla CRS e i servizi di consulenza delle associazioni cantonali della Croce Rossa sono a pagamento. Le tariffe percepite per le prestazioni della CRS figurano sulla pagina web www.direttive-anticipate.ch e fanno parte integrante delle presenti CG.

10. Responsabilità

La CRS si impegna a eseguire scrupolosamente le prestazioni offerte. La CRS non risponde di eventuali svantaggi che potrebbero risultare dalle direttive anticipate che ha in custodia o dalla verifica volta a individuare eventuali dimenticanze o contraddizioni. Nei limiti consentiti dalla legge, la CRS declina qualsiasi responsabilità in caso di inadempimento o di esecuzione imperfetta del contratto (p.es. pregiudizi legati all’elaborazione delle direttive anticipate). Segnatamente, il redattore non ha alcun diritto al risarcimento per eventuali danni indiretti (danni conseguenti), sia in caso di responsabilità contrattuale che di responsabilità extracontrattuale.

11. Foro competente

Il presente contratto è retto esclusivamente dal diritto svizzero. Per ogni controversia il foro competente è la Sede della CRS a Berna.

* Tutte le denominazioni sono valide per entrambi i sessi.

Ho visto proprio nella mia famiglia che cosa significa non fare sufficiente chiarezza sulle terapie da effettuare: è un peso enorme per chi deve decidere. Nel nostro caso, nessuno sapeva se i nostri familiari avrebbero voluto essere mantenuti in vita artificialmente o no, e ciò ha causato grandi conflitti in famiglia. Per questo motivo ho stilato le mie direttive anticipate.

Grégoire Vuilleumier (1978) «Greis», ambasciatore CRS e rapper

Richieda una consulenza

Si rivolga alla Croce Rossa nelle Sue vicinanze per fissare un appuntamento.

Informazioni telefoniche

0800 99 88 44 (gratuito) per semplici questioni amministrative. Lunedì – venerdì ore 8 – 12

Modulo di contatto

Il nostro clip Vi dimostra il perché le direttive anticipate sono giudiziose, anche per Lei. Farsi consigliare, compilare i documenti e depositare: funziona così!